RESTAURO, CONSOLIDAMENTO, DEUMIDIFICAZIONE ED ISOLAMENTO TERMICO
Nel recupero e nella ristrutturazione degli edifici storici, d'epoca e monumentali, nella riqualificazione di costruzioni rurali di pregio, il consolidamento ed il risanamento murario rappresentano un momento fondamentale. Azichem ha individuato e definito tecnologie specifiche per questi interventi, sapientemente uniformate alle esigenze derivanti dalla condizione delle opere ed al presupposto dell’assoluta compatibilità con i materiali esistenti. I protocolli e le procedure messe a punto dai nostri tecnici e applicatori nel corso di molti anni, contemplano il conseguimento degli obiettivi di rinforzo strutturale (mediante iniezioni di boiacche superfluide, moderatamente espansive, a base di calce idraulica naturale e/o con materiali compositi in fibra di carbonio, basalto, vetro FRP e FRCM), di rinforzo corticale, (indurenti superficiali), agenti di pulizia da incrostazioni, muffe, smog, ecc.. Tutti questi trattamenti sono inoltre coadiuvati, ove necessario, da procedure di risanamento dall’umidità che prevedeno la costruzione di barriere chimiche per l’interruzione della risalita dell’umidità capillare nelle murature, spesso abbinate alla costruzione di intonaci deumidificanti, naturali, bioedili.

Materiali compositi per il rinforzo e l’adeguamento strutturale

Materiali compositi per il rinforzo e l’adeguamento strutturale

Le applicazioni più importanti dei materiali compositi FRP (Fibre Reinforced Polymer) e FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix), riguardano gli interventi di ripristino, rinforzo ed adeguamentro strutturale di opere in calcestruzzo armato e muratura, deteriorate, danneggiate o progettualmente carenti. La nostra azienda offre, oltre a tali prodotti, soluzioni studiate e dimensionate ad hoc per risolvere i differenti problemi in modo efficace, funzionale e conveniente. I nostri sistemi di recupero strutturale sono leggeri, non invasivi, reversibili e basati su materiali compositi di tipo fibroso (carbonio, basalto, vetro, aramide, ecc.) che non modificano significativamente l’inerzia originaria degli elementi murari.


Vuoi saperne di più? Chiedici ADESSO





Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Youtube      Privacy   Cookies   News   Consulente Edile Italia